DIARIO DI BORDO bottiglie

Sciabola per champagne: come la usa il sommelier per aprire una bottiglia con il sabrage

sciabola per aprire bottiglia champagne

Sabre in francese significa sciabola: ma cosa c’entra una sciabola con lo champagne? La sciabola può essere utilizzata per aprire una bottiglia di champagne (o di un altro vino spumante) attraverso la tecnica del sabrage. Alcuni sommelier utilizzano la cosiddetta tecnica del sabrage per aprire una bottiglia di champagne con una sciabola, ma la stessa operazione è possibile utilizzando qualsiasi altro corpo rigido: una forchetta, un cucchiaio, la base di un calice, ecc.

 

Come si usa la sciabola per champagne nel sabrage? Facendo scorrere la sciabola lungo il corpo della bottiglia, arrivando a dare un colpo secco al punto dove si trova il collo. La forza che il sommelier esercita sul collo della bottiglia deve essere tale da rompere il vetro: è una tecnica da utilizzare in pubblico solo dopo aver fatto un po’ di pratica, ma meno complicata di quel che sembra.

 

In effetti, l’apertura della bottiglia con la sciabola – e ora sappiamo che si chiama sabrage (questa è la pronuncia) – è una tecnica finalizzata essenzialmente a “fare scena“. L’apertura di una bottiglia di champagne, o di un altro vino spumante, con la sciabola non apporta nessun beneficio al vino in questione, ed anzi fa perdere un po’ di pressione al contenuto della bottiglia: in soldoni, “lo sgasa”.

 

 

Breve storia della sciabola per champagne

La pratica della sciabolatura risale al periodo post rivoluzione francese, diciamo pressappoco ai tempi dello stesso Napoleone. La sciabola era, infatti, l’arma prescelta degli Ussari, la cavalleria leggera dell’esercito. In seguito a una qualsiasi vittoria dell’esercito napoleonico (come ve ne furono molte), era diventato frequente festeggiare con lo champagne e occorreva, per aprire le bottiglie, uno strumento facilmente reperibile: la sabre, ovvero la sciabola.

 

 

Perché si usano delle sciabole per aprire gli champagne?

Come già accennato, questa tecnica viene utilizzata per creare effetti scenici di grande portata, in occasione di festeggiamenti, avvenimenti importanti ed eventi rilevanti. Dà una certa carica rituale all’atmosfera, e genera un po’ di apprensione e suspense negli spettatori, soprattutto se non hanno mai assistito all’esecuzione di questa pratica.

 

Stappare uno champagne con la sciabola è profondamente diverso dall’aprire una bottiglia con il normale cavatappi. Il sabrage è l’opzione giusta se si desidera dare quel tocco distintivo all’atmosfera celebrativa. Provate, anche solo per un momento, a pensare alle enormi differenze tra lo stupore esercitato da una apertura in sabrage ed una classica apertura di una bottiglia di champagne: con la prima sembrerete dei maghi.

 

A onor del vero, in alcuni ambienti questa pratica viene ormai vista come un puro esercizio di stile… e ritenuta anche un po’ volgare. Vivendola più alla leggera, può essere divertente stupire amici e parenti in occasione di una festa.

 

È comprensibile che, per un appassionato, qualsiasi alterazione troppo netta di un vino pregiato possa essere considerata come uno stress ingiusto e pericoloso a cui viene sottoposta la bottiglia e il suo prezioso contenuto.

 

A tal proposito, è piuttosto comune non utilizzare il decanter per dei vini molto vecchi, sebbene il senso comune li metta in relazione proprio a questo utilizzo. Perché allora viene sconsigliato da molti esperti e appassionati? Perché l’improvviso e brusco contatto con l’ossigeno potrebbe causare un altrettanto veloce cedimento del corpo di quel vino. Pensaci bene,  per anni quel liquido ha sperimentato l’aria poco a poco e si trova in pochi istanti ad esserne inondato.

 

 

Si possono sciabolare solo champagne o anche vini fermi?

Per eseguire una sciabolatura perfetta è necessario che la tecnica del sabrage venga eseguita solo ed esclusivamente su champagne (o altri vini spumanti), e non su vini fermi. Infatti, uno degli effetti principali di questa tecnica (ovvero il distaccamento di una parte del collo in vetro, comprensivo di tappo) è causato da un fattore da non sottovalutare: la necessaria presenza di anidride carbonica. La presenza di gas all’interno della bottiglia è un fattore determinante per la buona riuscita del sabrage.

 

Perché si possono sciabolare solo vini spumanti

Perché quando si esegue una sciabolatura su champagne la forza del gas che immediatamente uscirà dal collo della bottiglia impedirà ai frammenti di vetro – creati dopo il sabragedi finire nello stesso champagne. È questione di fisica!

 

una bottiglia di champagne Dom Perignon

 

Sciabole e champagne: come aprire le bottiglie con la sciabola

Per aprire bottiglia di champagne con una sciabola occorre ovviamente procurarsi entrambi, e sia ben chiaro che non ti sto consigliando di farlo (cerco solo di soddisfare la tua curiosità). Per le prime volte sarebbe meglio provare con bottiglie di spumanti più economiche – qualcosa può sempre andare storto – ed eseguire il sabrage all’aperto. Ovviamente, è necessario assicurarsi che non ci sia nessuno sulla traiettoria del colpo.

 

 

Cosa fare prima

Assicurati che la bottiglia sia alla giusta temperatura di servizio: fredda, dai 3 gradi ai 6 gradi. Poi rimuovi la gabbietta di ferro che regge il tappo e riannodala sopra al cercine (il piccolo collare della bottiglia, quel leggero rigonfiamento subito sotto il tappo).

 

Dove colpire la bottiglia

Esaminando il collo della bottiglia, dopo aver tolto eventuali involucri di carta, noterai (prova in controluce se non ci riesci) una linea verticale sul vetro: è la saldatura delle due metà che compongono la bottiglia. Quella linea verticale sale fino al sopracitato cercine: proprio lì andrà colpita la bottiglia con la costa della sciabola, non con la lama. Il punto esatto è l’incrocio tra la linea verticale presente sulla bottiglia e il cercine: è il punto in cui il vetro è più debole e se colpito a dovere, nettamente e con sicurezza, si romperà seguendo regolarmente la linea circolare del cercine.

 

Il gioco è fatto: la bottiglia andrà inclinata di 45 gradi, dal basso verso l’alto, asciugata ed impugnata tenendo il pollice puntato sul fondo del collo. Infine il colpo netto.

 

Ecco un video tutorial in cui il procedimento viene eseguito correttamente:

 

 

Dove trovare una sciabola per champagne e quale comprare?

Il modo più veloce, economico e comodo per comprare una sciabola per champagne è, ovviamente, affidarsi all’ampia scelta di Amazon. Esistono due opzioni per te e dipendono essenzialmente da quanto sei disposto a spendere e dalla finalità dell’acquisto.

 

Sciabole per champagne: prezzo

Il prezzo di una buona sciabola oscilla tra i 40 e i 150 €. Se sei un aspirante sommelier professionista o se si tratta di un regalo, di sicuro puoi valutare l’acquisto di modelli particolarmente rifiniti e dotati di una bella custodia, potrebbero costituire anche un apprezzabile oggetto d’arredamento, soprattutto se in casa si ha, o si prevede di istituire, un ambiente dedicato al vino: con libri, calici e altri oggetti legati al mondo del vino.

 

Ecco alcuni modelli di sciabole per champagne con espositore:

 

  • questa è rivestita di “idroglider”, una copertura che protegge la lama dalla ruggine e le conferisce un elegante colore nero;
  • questa presenta un supporto in legno chiaro;
  • quest’altra è corredata del supporto utilizzabile come espositore, ma anche della custodia in legno per il trasporto;

 

Se seguirai le indicazioni riportate in questo articolo, avrai buone possibilità di aprire una bottiglia di champagne con la tecnica del sabrage. L’importante è sempre e comunque la sicurezza, se decidi di cimentarti fai molta attenzione. Sarebbe opportuna la supervisione di un sommelier professionista.

 

Buon sabrage a tutti!


Torna alla categoria:


Bottiglie

Condividi su