DIARIO DI BORDO cavatappi

Cavatappi a lame: come si usa e a cosa serve

cavatappi_a_lame_utilizzo

Il cavatappi a lame si usa nel caso in cui un tappo si sia spezzato nella bottiglia di vino o per l'apertura di bottiglie particolarmente vecchie, talvolta le due circostanze possono coesistere. Scopri di più!

Oggi parliamo di un oggetto sconosciuto a molti: il cavatappi a lame. Altri, e con altri intendo gli appassionati di vino, lo hanno già visto, magari sanno a cosa serve,  e lo chiamano con altri nomignoli come “cavatappi a lamelle” o “cavatappi a doppia lama”. Non preoccuparti, parliamo sempre dello stesso oggetto, e in meno di un minuto diventerai un esperto.

Cavatappi a lame: quando serve?

Cominciamo col dire che il cavatappi a lame è uno strumento il cui utilizzo può essere consigliato quando ci si trova a stappare importanti bottiglie che hanno ormai qualche anno sulle spalle. Quando questi anni cominciano a diventare decenni e dobbiamo stappare bottiglie ventennali o ancora più vecchie, allora il cavatappi a lame diventa addirittura indispensabile. Il cavatappi a lame ci torna utile anche quando per sbadataggine, difetto del tappo o qualsiasi altra ragione, ci troviamo a dover estrarre un tappo completamente rotto o danneggiato.

 

Per riassumere, il cavatappi a lame serve:

  1. quando non sappiamo come aprire un vino invecchiato;

  2. quando non sappiamo come aprire un vino con il tappo rotto.

 

cavatappi_a_lame

Fig.1- Un cavatappi a lame

Cavatappi a lame: perché serve?

Il sughero, con cui spessissimo sono chiuse le grandi bottiglie che lasciamo  affinare in cantina, è un materiale che permette al vino di respirare, ma il liquido a contatto con esso, l’aria e la forza disgregatrice del tempo agiscono giorno dopo giorno. Quando i giorni diventano anni, lustri e decenni, può accadere che la consistenza del tappo peggiori al punto che, trovandoci a stappare una bottiglia, esso si sgretoli sotto i colpi di un normale cavatappi. Il verme di un cavatappi ordinario rischia di sbriciolare il sughero di una vecchia bottiglia, per molto tempo custodita gelosamente in cantina. Allora che fare? Ecco che entra in gioco il cavatappi a lame.

 

Cavatappi a lame: quale comprare?

Proponiamo uno strumento economico e funzionale, fabbricato in Germania. Questo cavatappi è efficiente, preciso e arriva direttamente a casa tua con un celere meccanismo di spedizione. Prezzo: 17 €.

 
Oppure, se si è disposti a spendere qualche euro in più, ecco il modello consigliato nei vari gruppi di appassionati di vino sparsi qua e là per il web.

Cavatappi a lame: come si usa?

Può sembrare uno strumento complicato, in realtà basta un po’ di pratica, magari su bottiglie di poco pregio, per diventare esperti nell’utilizzo del cavatappi a lame.

 

Il meccanismo è piuttosto semplice: il cavatappi si compone di due lame ed entrambe vanno infilate tra il tappo e la superficie interna del collo della bottiglia. Prima va inserita la lama più lunga e poi quella più corta. Ricordati di inserire completamente le lame dello strumento nel tappo, fino a quando il manico del cavatappi non tocca la superficie superiore del collo della bottiglia (come in fig.2).

cavatappi_a_lame_utilizzo

Fig.2-Introduzione delle lame

 

Poi avvalendovi dell’impugnatura, il tappo andrà estratto attraverso un lento movimento rotatorio: tirare e ruotare, tirare e ruotare contemporaneamente (fig.3).  In questa operazione è richiesto polso fermo e calma, soprattutto per bottiglie molto vecchie.

cavatappi_a_lame_come_si_usa

Fig.3- Come si usa il cavatappi a lame

Cavatappi a lame: manutenzione

Dopo i primi utilizzi è bene ricordarsi di lubrificare, anche con una goccia d’olio da cucina, le lame del cavatappi prima di inserirle nella bottiglia e successivamente asciugarle per riporlo nella custodia.

 

Se hai trovato utile l’articolo aiutaci con un semplice like sulla pagina (tastino blu in fondo). Grazie!


Torna alla categoria:


Cavatappi

Condividi su